fbpx

About

I Do What I Love

About

BENVENUTO

About

Val di mello

Sono nato a Parma nel 1963 e ricordo ancora le mie prime ferrate all’età di 15 anni nella conca Ampezzana, Punta Fiames, la Tofana e la prima scalata alla normale della Cima Grande di lavaredo durante le vacanze estive.

Nel 1978 non si parlava di arrampicata sportiva ma l’attrazione per i grandi massi nei boschi ci portava a provare l’impossibile! Poi arrivò il free climbing grandi foto dello Yosemite e una strana polvere bianca….. arrivarono le innovative scarpette Galibier che misero in cantina gli scarponi, almeno per arrampicare sulle Dolomiti, l’era Think Pink a seguire, colorò l’emergente popolo multicolore degli arrampicatori lasciando il colore rosso, colore per eccellenza della montagna, solo nella divisa delle Guide Alpine trait d’union tra tradizione e modernità. la mia vita si divise in due da una parte le salite sulle grandi montagne dal M. Bianco alle Dolomiti, arrampicata su roccia, pareti nord su ghiaccio e vie di misto classiche; l’altra, in falesia, bassa quota, caldo anche in inverno, studio della tecnica e delle difficoltà. Nel 1984 intrapresi l’iter formativo per diventare Aspirante prima e Guida alpina poi nel 1989, Da allora sono passati lunghi anni di attività ma l’entusiasmo è quello di sempre e la passione per arrampicata, per lo sci, per la montagna è quella di sempre e trasmetterla è l’obbiettivo più alto.

  • Aliquam varius sapien non augue imperdiet ultrices.
  • Etiam in lacus at tortor ultricies ornare.
  • Morbi vitae urna vitae nisi aliquam commodo.
  • Mauris porttitor nibh non elit tincidunt sollicitudin.

Una Guida Alpina ha una Mission, mantenere la storia della montagna viva e trasmetterne i valori, gli insegnamenti che ha ricevuto e che ogni giorno è chiamato a trasmettere ai propri clienti, allievi e compagni. Una Guida Alpina non sale per sè ma pensa alle sicurezza e alla soddisfazione di chi accompagna in un ottica di servizio, ha una visione che solo il  mestiere gli può dare , una consapevolezza della responsabilità e della sua gestione che si tramuta in una professionalità unica.  La vera Mission in ultimo penso sia trasmettere l’entusiasmo di vivere intensamente ogni giorno di questa vita!

ferrata Bepi Zac
“E’ guida alpina chi svolge professionalmente le seguenti attività: accompagnamento di persone in ascensioni sia su roccia che su ghiaccio o in escursioni in montagna; accompagnamento di persone in ascensioni sci-alpinistiche o in escursioni sciistiche; l’insegnamento delle tecniche alpinistiche e sci-alpinistiche con esclusione delle tecniche sciistiche su piste di discesa e di fondo.

Questa è la definizione di guida alpina secondo la legge n°6 del 2 gennaio 1989. Ma  non è certamente sufficiente ha definire una professionalità fatta di passione per la montagna, formazione di standard elevatissimi, aggiornamenti continui, conoscenza e rispetto del territorio, capacità di rapportarsi agli altri.

Arrampicata su roccia, alpinismo classico, sci-alpinismo, freeride, arrampicata su cascate di ghiaccio, canyoning sono le attività per le quali le guide alpine sono altamente preparate a livello tecnico e non solo.

La formazione per diventare guida alpina prevede tutta un’altra serie di materie e argomenti legati alla conoscenza dell’ambiente, alla nivologia, all’autosoccorso, alla gestione del rischio e alla capacità di relazionarsi con l’altro una formazione lunga e molto impegnativa che porta ad essere l’unica figura professionale riconosciuta a livello nazionale e internazionale.

Le guide alpine

  • Accompagnano e insegnano
  • Divulgano un approccio alla montagna in sicurezza
  • Rispettano e valorizzano l’ambiente
  • Sono professionisti iscritti negli albi dei Collegi Regionali
  • Indossano il distintivo UIAGM
  • Sono riconosciute a livello internazionale
  • Frequentano periodicamente corsi di aggiornamento

Esercizio della professione
L’esercizio della professione è subordinato al superamento degli esami di abilitazione e all’iscrizione all’albo dei Collegi Regionali.

Ambiti e attività
Le attività di accompagnamento e insegnamento, dove occorrono tecniche e attrezzature alpinistiche è riservato alle guide alpine. Le attività praticate dalle guide alpine spaziano da: alpinismo classico in alta montagna, sci alpinismo, arrampicata su roccia e su ghiaccio, canyoning, formazione per i lavori in esposizione, sci freeride…

Aggiornamento e specializzazioni
La guida alpina è in continuo aggiornamento. Per poter esercitare la professione è tenuta a frequentare un aggiornamento programmato in ogni triennio. Il Collegio Nazionale ha introdotto due specializzazioni: canyoning e formatori per dispositivi anticaduta e sistemi su funi al fine di approfondire la preparazione delle guide in questi specifici ambiti.

Iter  professionale
La professione si articola in due gradi: aspirante guida e guida alpina maestro di alpinismo. L’aspirante guida è un professionista abilitato all’accompagnamento e all’insegnamento con alcune limitazioni.

uiagm